Covid-19

Un’arma in più per la ricerca degli anticorpi da Covid-19

Un nuovo test per misurare l’immunità acquisita da infezione naturale Covid-19 o l’efficacia di un vaccino. È indicato effettuarlo a partire dalla 2ª settimana dopo la somministrazione dell’ultima dose di vaccino e dopo 7-10 giorni nei soggetti che hanno contratto l’infezione e sono successivamente risultati negativi al tampone.

Il test sierologico quantitativo per la determinazione degli anticorpi IgG verso il segmento S-RBD (S protein Receptor-Binding Domain) serve a verificare la presenza e la quantità degli anticorpi specifici sviluppati dopo essere entrati a contatti con il virus SARS-COV-2.

Questi anticorpi vengono definiti anticorpi neutralizzanti, in quanto sono capaci di bloccare l’ingresso del virus nelle cellule e neutralizzare il virus rendendolo inefficace.

Un coronavirus contiene quattro proteine strutturali, spike (S), envelope (E), membrana (M) e nucleocapside (N). La proteina S consente l’ingresso del virus nelle cellule ospiti, prima legandosi a un recettore ospite tramite il sito legante il recettore (RBD, Receptor-Binding Domain) nella sub-unità S1 e in seguito fondendo le membrane virali e delle cellule ospiti tramite la sub-unità S2. Il virus SARS-CoV-2 riconosce ACE2 quale recettore nella cellula ospite per legare la proteina S virale. Quindi, è fondamentale definire RBD nella proteina S di SARS-CoV-2 quale target principale per lo sviluppo di inibitori del virus, per gli anticorpi neutralizzanti e per i vaccini.

La risposta immunitaria del nostro organismo all’infezione da coronavirus o al vaccino è soggettiva: ognuno di noi produrrà una risposta immunitaria variabile sia quantitativamente che qualitativamente ed anche in tempi diversi. Pertanto, la nostra protezione nei confronti del virus Sars-Cov-2 dovrà essere verificata e monitorata nel tempo attraverso dei semplici esami sierologici, ricercando gli anticorpi protettivi specifici anti-RBD prodotti dal nostro organismo.

Al Centro Analisi Biomediche di Taormina con un semplice prelievo venoso è possibile effettuare il dosaggio quantitativo degli anticorpi neutralizzanti SARS-COV-2 S-RBD specifici che il nostro organismo produce contro la “chiave” RBD del coronavirus.

Questa diagnostica consente quindi di poter conoscere e monitorare nel tempo la risposta immunitaria individuale in seguito ad una infezione naturale o alla vaccinazione e in definitiva la nostra protezione nei confronti del virus.

Il test sierologico in uso presso il nostro Laboratorio di Analisi è in chemiluminescenza (CLIA), ha il 100% di Sensibilità e il 99,6% di Specificità.

Per informazioni chiama lo 0942.24444

Commenta con Facebook